La Pedaggera 1810

Una storia iniziata più di 200 anni fa...

Il toponimo "Pedaggera" deriva dal fatto che dove oggi sorge il nuovo ponte, un tempo vi era un traghetto che permetteva di attraversare il torrente dietro al pagamento di un pedaggio.

Altra curiosità è la scoperta di una richiesta, contenuta nell' archivio comunale, risalente XIX secolo di costruzione di una pedancola inoltrata dai residenti oltre Mira per evitare il balzello. La costruzione della cascina risale, come è certificato da documenti ufficiali, a più di 200 anni fa, precisamente al 1810.

Si tratta di un periodo particolarmente turbolento per la zona. Infatti dal 1799 al 1814 anche Racconigi, come il resto del Piemonte, venne annessa alla Francia Napoleonica e l’occupazione francese fu particolarmente dura (30 cittadini furono arrestati e 10 fucilati).

Intorno al grande castello di Racconigi, la zona era comunque in una fase di sviluppo grazie all’industria della seta (33 filatoi e 40 filatoi nel 1800), all’agricoltura e all’allevamento di bestiame, che portavano un notevole incremento demografico e relativo benessere. Come tutte le cascine di quel periodo,anche la nostra cascina aveva una sua autonomia economica ed un’amministrazione autosufficiente.

Immaginiamoci un vero villaggio brulicante di attività, un piccolo paese popolato dalle famiglie dei contadini e degli artigiani.

Entrando nella corte avremmo visto l’ala delle stanze abitate dai lavoratori dei campi, dal falegname, dal maniscalco, dal fabbro, dal sellaio e altri artigiani impegnati ad assolvere i più diversi mestieri. Quasi tutto quel che serviva all’azienda era costruito o riparato in cascina. Sull’altro lato, c’era una grande stalla per le vacche da latte con un porticato in cui venivano ricoverati i carri, destinato anche a proteggere dal sole il bestiame. Le stalle ospitavano le manze, i vitelli, i cavalli, i buoi da lavoro.

Vi si trovava anche il forno per la panificazione dove oggi, non a caso, si trova quello della nostra Pizzeria "el Forn dla Cassina" .

L'elenco dei fabbricati comprendeva, verso l'esterno, una piccola chiesa e un'osteria (giustamente, sacro e profano), per lo spaccio di alcuni generi alimentari.

La Pedaggera ai giorni nostri

Con l’abbandono delle campagne a seguito della crescente industrializzazione, la cascina venne abbandonata negli anni ’50 e cadde purtroppo in rovina, una sorte purtroppo comune a molti costruzioni destinate all’agricoltura.

Agli inizi del terzo millennio la cascina è soggetta a importanti lavori di ristrutturazione e adeguamento, per trasformarla in un’attività di ristorazione e ospitalità.

La nuova gestione del sig. Emanuele, iniziata nel luglio 2012, intende recuperare tutta la storia e la grande tradizione del luogo, per proporre nuovi servizi di ristorazione e ospitalità di alto livello e un servizio di accoglienza perfettamente integrati nella realtà del Territorio
La Pedaggera ai giorni nostri

LA PEDAGGERA 1810 utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento